Casa Cuseni, Monumento Nazionale Italiano

Definizioni web
  1. I monumenti nazionali sono dei monumenti, degli edifici o intere zone d'interesse artistico, storico o etnoantropologico ritenute fondamentali per l'identità della nazione in quanto importante traccia di documentazione storica

    (http://it.wikipedia.org/wiki/Monumento_nazionale).

     

  2. E' con orgoglio che apprendiamo che il Governo Nazionale ha ritenuto  Casa Cuseni  


    luogo di interesse storico-artistico, fondamentale per l'identità della Nazione,

    concedendole l'altissimo onore di riconoscerla

    MONUMENTO NAZIONALE ITALIANO

     

    Di seguito le motivazioni tecnico-scientifiche ed il Decreto Assessoriale.

    La Direzione di Casa Cuseni

     

DECRETO ASSESSORIALE n. 8356

REPUBBLICA ITALIANA

                                        REGIONE SICILIANA

 

 

 

                                                        L’ASSESSORE AI BENI CULTURALI ED AMBIENTALI E PUBBLICA ISTRUZIONE

 

VISTO

Lo Statuto della Regione Siciliana;

VISTA

La Legge 1.6.39 n. 1089 sulla tutela del beni di interesse artistico e storico;

VISTA

La legge 1.3.1975 n. 44 recante le misure intese alla protezione del patrimonio archeologico, artistico e storico nazionale;

VISTO

Il D.P.R. del 30.08.1975 n. 637 recante le norme di attuazione dello Statuto della Regione Siciliana in materia di tutela paesaggio e di antichità e belle arti;

VISTA

La legge regionale 1.8.1977 n. 80 recante norme per la tutela, la valorizzazione e l’uso sociale dei beni culturali ed ambientali nel territorio della Regione Siciliana;

VISTA

La proposta di vincolo e la relazione tecnica della sezione per i Beni Paesaggistici, Architettonici, ed Ambientali di Messina;

CONSIDERATO

Che il complesso denominato “Villa Cuseni”, costituito dall’edificio residenziale e l’annesso parco, sito in Taormina via Rotabile per Castelmola censito al N.C.E.U. al foglio mappa n. 3/C p.lle 582, 583,585 e 806 confinante a sud-est con la strada rotabile per Castelmola, ad est con strada senza nome, ad ovest con le p.lle 580,805,718,1366 e 582, riveste interesse storico-architettonico particolarmente importante ai sensi del combinato disposto degli artt. 1 e 3 della legge 1.6.1939 n. 1089e dell’art. 2 della l.r. 1.8.1977 n.80, in quanto costituisce un significativo esempio di architettura residenziale d’inizio secolo:

Read more: Casa Cuseni, Monumento Nazionale Italiano

Il GIardino storico di Villa Cuseni

Il Mirador segreto della Città di Taormina, un affaccio sul mare e sull’Etna

Il Giardino di Casa Cuseni è il più antico e meglio conservato Giardino Storico della città di Taormina. Edificato dal 1899 al 1931 sulla Rocca di Taormina mantiene ancora intatta la sua originale architettura di Giardino a Terrazze, di luogo dello sguardo. Il Giardino presenta interessanti architetture, disegnate dallo stesso proprietario, Robert Hawthorn Kitson, membro delle Società degli Artisti Britannici, da Sir Frank Brangwyn Presidente della Reale Società AB da Sir Cecil Hunt, vice-presidente della Reale Società degli acquarellisti Britannici. Il giardino di Villa Cuseni è uno dei due Giardini Inglesi di Taormina ( l’altro è il Parco Duca di Cesarò) ma è l’unico che ha mantenuto la sua originale composizione di giardino a terrazze e le originali specie botaniche, Mediterrane . La flora mediterranea è stata introdotta dal primo proprietario che, in maniera geniale, ha riutilizzato gli antichi pozzi edificati dai coloni Greci oltre duemila anni addietro per mantenere le precipitazioni invernali e per irrigare il suo giardino. Per tantissimi anni, Daphne Phelps, la seconda proprietaria della Villa, in collaborazione con i vivai del Cavaliere Allegra di Catania, ha qui svolto attività di orto botanico didattico, proteggendo e curando uno speciale giardino inglese ma introducendo specie botaniche che meglio resistevano alla calura estiva.

Gli artisti di Casa Cuseni hanno qui realizzato sette fontane, allineandole tutte sul camino centrale della villa in maniera precisissima, ritenendo, come il filosofo Empedocle, che fuoco ed acqua fossero gli elementi costitutivi della materia. La piscina principale, la prima edificata a Taormina, è invece allineata sul camino più grande del Mediterraneo, sul cratere centrale dell’Etna, il vulcano più attivo ed alto d’Europa (ancora acqua ancora fuoco); quando la piscina è colma e la luna è piena essa riflette il suo colore d’argento al centro della grande vasca e quando l’Etna è in eruzione anche questa, riflettendosi come su uno specchio, cangia il colore dell’acqua che assume riflessi rosso e giallo ( il fuoco che passeggia nell’acqua). A ricordare questo fenomeno ottico il più importante artista di Casa Cuseni, Sir Frank Brangwyn, realizzò un pannello ed una seduta a bordo piscina che stilizza l’eruzione dell’Etna che specchia se stessa nella piscina.

Ma sono moltissime le simmetrie, gli scorci, le drammaticità angolari che fanno del Giardino di Casa Cuseni un luogo interessante, da visitare e da comprendere, un luogo dove cercare segreti ed esoterismi nascosti tra la vegetazione e tra le murature; basti pensare che l’Arca dell’Alleanza viene più volte rappresentata nelle composizioni del Giardino e con questi, l’anfora della vita, l’albero della vita, pesci e molti altri simboli esoterici, il tutto realizzato da grandi geni dell’arte per creare un luogo unico, un luogo dove l’energia di questo panorama, del nostro mare e del nostro vulcano riscaldano il cuore all’ignaro visitatore.

Il Giardino è ancora in corso di restauro ma ha già aperto le sue porte al pubblico. Vi aspettiamo

Il Direttore di Casa Cuseni, Francesco Spadaro

The Garden

The terraced gardens of Casa Cuseni are a remarkable feat of careful design, sound construction and skilful engineering. To hold the winter rainfall until the summertime, Kitson designed a set of large cisterns under the front terrace and the pergola, for which several wells and the swimming pool made further provision. The gardens were filled with citrus and other fruit trees as well as roses, vines and wisteria, some of which still adorn the terraces. They were an integral part of Kitson's overall design, lined up on the axis of the house and enlivening the steep access to it. At every level there is a major feature to catch the eye, both from above and below the entrance court with its basin of papyrus and tall coloured stucco piers and pavement; the patterned-brick ramps and steps sweeping up around the lower parterre; the tribune and

Read more: The Garden

The Location

Da un promontorio di ineguagliabile bellezza, sotto la rocca custodita dal castello edificato dal Grande Svevo, il giardino a terrazze di Casa Cuseni guarda la colossale mole del monte Etna che serra la porta ai venti e che dolcemente degrada giù sino al golfo di Naxos, prima colonia greca in Sicilia; sembra ancora di vederli, quei legni greci che qui portarono arte, poesia , filosofia, matematica, dando il seme a Timeo, Andromaco, Dionisio, Empedocle, Gorgia, Archimede e tanti altri. Sembra di vederli i stanchi rematori che, giunti da un mare lontano, attraversate le calcaree rocce dei faraglioni (capo Taormina), venivano accecati dalla maestosità dell’Etna, ed increduli di tanta beltà, guadagnavano ansiosi la riva, certi di aver trovato la loro terra. Immagino che sia stata la stessa emozione provata dall’inglese Robert Kitson la prima volta che

Read more: The Location